» » » » » L’Amministrazione comunale di Enna sosterrà il progetto di Azionariato Diffuso promosso dall’Ordine dei Commercialisti per l’Usd Enna


L’amministrazione comunale pronta a fare la sua parte per il rilancio non solo dell’Usd Enna ma dello sport in genere. E per questo motivo cercherà di fare il possibile nell’immediato per rendere lo stadio Gaeta idoneo a poter essere utilizzato dalle squadre di calcio. Lo ha ribadito stamattina il sindaco di Enna Maurizio Dipietro, incontrando il presidente dell’Ordine dei Commercialisti Fabio Montesano, l’esperto una materia fiscale sportiva il salernitano Antonio Sanges, il presidente dell’Usd Enna Enzo Grippaudo e il delegato provinciale del Coni Roberto Pregadio insieme ad una delegazione di tifosi gialloverdi.

Dipietro ha di fatto confermato quanto aveva già detto giovedì sera l’assessore Giovanni Contino intervenendo all’incontro organizzato al centro polifunzionale di via dello Stadio dall’Ordine dei Commercialisti e dalla società gialloverde per lanciare l’idea di un progetto di azionariato diffuso che possa finanziare non solo il calcio ma tutto lo sport del capoluogo. E per spiegare come fare Montesano ha invitato un suo collega appunto Antonio Sanges che sta portando avanti da anni a Salerno iniziative di questo genere che stanno riscontrando un buon successo.

E tra l’altro questo progetto è stato sposato e condiviso anche dall’università Kore presente giovedì sera con il Direttore del Corso di Economia Vincenzo Fasone, ma anche dal mondo ecclesiale con padre Giuseppe Rugolo del Duomo che si è detto disponibile per qualsiasi iniziativa che possa coinvolgere giovani. All’incontro di giovedì presenti anche rappresentanti delle associazioni datoriali del mondo produttivo locale come la Cna e la Confartigianato. Ed il progetto di azionariato diffuso è piaciuto anche al sindaco Dipietro che si è detto disponibile a dare come ente locale il proprio supporto secondo le proprie competenze e disponibilità a partire da un intervento immediato sull’impianto di gioco, fermo restando che come ha detto l’assessore Contino è di guardare lontano e quindi iniziare anche a pensare alla delocalizzazione con la costruzione ex novo di un impianto di gioco che abbia tutti i crismi e requisiti che le nuove normative in particolare in tema di sicurezza impongono.

Per quanto riguarda il progetto dell’azionariato diffuso il Dottore Montesano conferma che già dalla prossima settimana sarà contattato un notaio per costituire la società che dovrà occuparsi del reperimento delle risorse attraverso l’acquisto di quote.

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: