» » » » » » La Bari Siamo Noi: “Vogliamo chiarezza sul futuro del Bari! Non meritiamo la D”


Scende in campo anche l’Associazione ‘La Bari Siamo Noi’ per dire la sua sul futuro del Bari, che appare sempre più incerto dopo i recenti sviluppi dell’assemblea dei soci di ieri. Attraverso una nota ufficiale apparsa sulla pagina di facebook, il punto di riferimento dei club biancorossi esprime il proprio punto di vista sul particolare momento del club.

“All'indomani del fallimento dell'AS Bari – si legge - abbiamo creato questa associazione con lo spirito di mantenere in vita e tramandare il ricordo del Calcio a Bari ma anche con l'obiettivo del l'azionariato popolare. Un azionariato che, a sua volta, non aveva certo l'obiettivo di arrivare ad ottenere la proprietà della squadra ma di una semplice e simbolica quota (5-10%) sufficiente a far sì che i tifosi potessero esser presenti all'interno della società e far valere la voce dei tifosi ed allo stesso tempo vigilare sull'operato dei soci. Siamo certi che, con l'amore che i tifosi-azionisti avrebbero messo nelle faccende societarie, oggi non avremmo assistito a questo scempio ma avremmo fatto di tutto per far dialogare verso un unico obiettivo i 2 soci. Oggi non è compito nostro entrare nel merito di chi ha ragione chi ha torto o di chi, eventualmente, sta bluffando. Oggi noi vorremmo solo che qualcuno ci dicesse semplicemente la verità! Qualcuno che ci dicesse che è giusto e tranquillo aspettare i soldi di Noordin o qualcuno che ci evidenziasse che sarebbe stato meglio accettare i soldi Giancaspro. Oggi noi chiediamo ai 2 soci, NEL NOME DEL BARI, di sedersi nuovamente intorno ad un tavolo, con maggiore serenità, ed addivenire ad una soluzione che possa soddisfare le loro aspettative senza mettere al rischio la vita della NOSTRA BARI. I tifosi hanno bisogno di chiarezza, di verità e di rassicurazioni. I 30.000 di Bari Cagliari, i 12.000 abbonati, i 10.000 follower di questa pagina, lo sconfinato popolo biancorosso non si meritano la Serie D. BARI MERITA RISPETTO”.

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: