» » » » » » » » Associazione Polisportiva Perbrindisi, riflessioni dopo l'Assemblea Generale di Supporters in Campo


Di seguito le riflessioni post 3ª Assemblea Generale di Supporters in Campo, 24-25 settembre a Verona(qui dettagli e Video), dell'Associazione Polisportiva Perbrindisi, tra i nuovi gruppi che si sono uniti al coordinamento nazionale delle Associazioni di Tifosi e Community Club italiani.

La 3^ Assemblea Nazionale dei Supporters in Campo (SinC) ha visto l’Associazione Polisportiva Perbrindisi nella veste di Nuova Entrata. Pur avendo già partecipato all’incontro tarantino dello scorso anno, in questa terza Assemblea, che ha avuto luogo presso la sede di ”Verona col cuore” nei giorni 24 e 25 settembre proprio a Verona, siamo stati ufficialmente accolti nella famiglia del SINC, che comprende i Supporters in Campo aderenti a tutte le Associazioni attive sul territorio nazionale. Oltre  al Presidente Consiglia Lacorte, hanno partecipato due Dirigenti della Perbrindisi, Michele Toscano e Marco Esposito, e un convintissimo associato, Giovanni Leo, che risiede a Milano.

L’Assemblea nazionale è stata, come è giusto che fosse, un momento di incontro e di confronto tra le varie Associazioni presenti sul territorio nazionale e non solo.  Infatti attraverso il progetto Erasmus (era infatti presente una rappresentante dell’Associazione svedese Svenska patner di SinC) per bocca di Sofia e di Felix,  si è potuto avere un quadro di quella che è la realtà calcistica nell’ambito dei Supporter Trust svedesi, realtà molto lontana dalla nostra.

Il problema delle Società calcistiche svedesi consiste nella difficoltà di riconoscere il 51%, ossia la maggioranza, proprio ai Rappresentanti dei Supporter Trust, considerando che le stesse riescono ad avere sponsor e finanziatori grazie ai quali non hanno alcun problema per affrontare i costi necessari e pertinenti i vari campionati.

Volendo confrontare la nostra esperienza calcistica, soprattutto dell’anno appena conclusosi, con le altre realtà nazionali, si può affermare che la situazione brindisina è alquanto discreta.

Ci sono  sicuramente alcune realtà sportive, rare a dire il vero, che si distinguono a tale riguardo: l’Associazione di Prato,  per esempio, che detiene  in prima persona la squadra di calcio locale, con tutti gli oneri e gli onori che ciò comporta oppure il gruppo Taras di Taranto che, avendo  una certa percentuale nell’ambito della proprietà, riesce a fare con questa un buon percorso di collaborazione, e sembra aver migliorato sicuramente la stabilità globale della filiera calcistica locale.

Ci sono, al contrario, gruppi che hanno rapporti conflittuali con chi detiene la proprietà della squadra, o ne sono privi, e questo porta al venir meno della mission del nostro modello di Supporter Trust, ossia essere nella Società e vigilare affinché non si verifichino i fattacci che  tutti noi conosciamo e, al contempo, se ne  salvaguardi la durata.

Per tutti, però, è chiaro che è arrivato il tempo in cui il tifoso deve rimboccarsi le maniche: ad essi, infatti si chiede di essere parte attiva nel circuito calcistico, dato che è difficile, ad oggi, trovare un grosso imprenditore che decida di investire nella gestione di una squadra di calcio, senza che sia mosso da interessi propri e che non si arrenda alle prime difficoltà. Questo, soprattutto, nelle categorie dilettantistiche o di semiprofessionismo. Ecco perché il ruolo dei tifosi, e delle Associazioni che li rappresentano, è fondamentale. Sono proprio queste figure che devono essere i garanti dei valori che si vogliono conservare nello sport: pulizia, in tutti i sensi, trasparenza e, soprattutto, lunga vita alla squadra della propria città per la quale fare piccoli sacrifici diventa un piacere, ricompensato la domenica  pomeriggio sugli spalti.

Alla luce di questo importante ruolo riconosciuto ad ogni tifoso, e di quanto il confronto tra  le varie realtà è fondamentale per la crescita dei singoli gruppi, la nostra Delegazione ha presentato la candidatura  della nostra città di Brindisi, per l’anno 2017,  come sede della Quarta Assemblea nazionale SINC. Questo evento, visto dai nostri Delegati, potrebbe essere un’ottima opportunità per far conoscere alle centinaia di partecipanti la nostra città, mettendo in evidenza quanto può rimanere nel cuore e negli occhi di chi la visita, e che, invece, rimane nell’ombra di chi la vive ogni giorno.

Qualora la nostra candidatura dovesse essere accolta, ciò rappresenterebbe una  ulteriore dose di incoraggiamento ed entusiasmo  che non potrebbe che farci bene, emozioni positive necessarie per condurre positivamente  il campionato in corso che, ad oggi, si presenta piuttosto favorevole.  Lode al SINC e FORZA BRINDISI.

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: