» » » » » » La cerimonia di premiazione della UEFA Foundation for Children


I primi vincitori dei premi della UEFA Foundation for Children hanno ricevuto il riconoscimento durante una cerimonia tenuta nella Casa del Calcio Europeo di Nyon.

Il presidente UEFA, Alexander Čeferin, si è unito ai membri del consiglio di amministrazione della fondazione – il presidente José Manuel Durão Barroso, Viviane Reding, Norman Darmanin Demajo e Sándor Csányi – per presentare i premi del 2016.

Ecco i vincitori:
• streetfootballworld: rete che unisce più di 100 comunità dietro un obiettivo comune – cambiare il mondo attraverso il calcio.
• Colombianitos: ente che mira al miglioramento della qualità della vita dei bambini, dei ragazzi e delle loro comunità, attraverso sport, divertimento, istruzione e salute.
• Just Play: programma che migliora le vite dei bambini dell'area del Pacifico attraverso il calcio.
• Right To Play: iniziativa che sfrutta la forza del calcio per educare e responsabilizzare i bambini a vincere gli effetti della povertà, i conflitti e le malattie nelle comunità più svantaggiate.
• Magic Bus: schema che orienta i bambini a una vita migliore sviluppando competenze e opportunità nel passaggio dall'infanzia alla maturità.

La gestione nell'assegnazione dell'assegno annuale di un milone di euro dell'UEFA Monaco Charity è passato nel 2015 dal Comitato Responsabilità Sociale e UEFA Fair Play alla UEFA Foundation for Children, cambiando il nome in UEFA Foundation for Children Awards.

Il consiglio di amministrazione ha stabilito un nuovo sistema di selezione per riconoscere e alzare il livello dei gruppi di comunità e il loro contributo alle attività che supportano. Per poter concorrere a un premio, la beneficenza deve essere legata al calcio, o allo sport in generale, e deve promuovere pace, integrazione, una maggiore armonia sociale, il rispetto per le differenze e la non discriminazione.

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: