» » » » » » » » » Campobasso, I° Quadrangolare del Calcio Popolare - report della giornata dall'ASD Quartograd


Una bellissima giornata di sport e aggregazione per il primo quadrangolare del calcio polare organizzato dall’Associazione: “Noi Siamo il Campobasso”. Da Quarto sono partiti i ragazzi della juniores, allenati per l’occasione da mister Daniele Gelotto, insieme ad una vecchia guardia composta da Enrico Frangioni, Agostino Iossa e Genny Romano. Al seguito della squadra un gruppo di tifosi, sempre proti a sostenere i colori rossoblu. Le altre squadre in campo erano la Juniores del Brutium Cosenza, la cui prima squadra milita nel campionato regionale della Calabria di promozione, con cui il Quartograd ha un’amicizia ormai consolidata; la juniores dell’ Us Fasano, gloriosa compagine pugliese che attualmente è con la prima squadra ai vertici nel campionato regionale di promozione; e la juniores del Città di Campobasso la cui prima squadra milita nel campionato nazionale di Serie D. Nella giornata di ieri il Quartograd ha avuto modo di confrontarsi per la prima volta nella sua storia con le piazze di Fasano e Campobasso.

Per quanto ci riguarda l’incontro è stato molto fruttuoso perché oltre ad aver creato da subito nuove amicizie, abbiamo potuto conoscere e imparare da due esperienze diverse, seppur animate dallo stesso identico ideale: quello di un calcio lontano dagli interessi commerciali, che si basa sull’autorganizzazione dei sui tifosi, e sui valori dell’antirazzismo e dell’antifascismo.

Campobasso e Fasano sono due realtà calcistiche che in passato hanno giocato ad alti livelli ma che a causa di gestioni scellerate sono state relegate nel calcio dilettantistico fino a quando i tifosi hanno deciso di prendere in mano il destino delle loro squadre e dare vita a due nuove esperienze di calcio popolare creando rispettivamente le associazioni “Il Fasano Siamo Noi” e “Noi Siamo Il Campobasso”, con cui partecipano alla gestione delle rispettive società.

Sul campo, in un clima di sport e amicizia, le quattro juniores si sono affrontate in un torneo che ha visto i padroni di casa vittoriosi e noi al secondo posto dopo una finale terminata ai rigori. La premiazione è stata l’occasione per ognuna delle quattro realtà di spiegare, anche se in poche parole, la propria concezione del calcio con dei discorsi che sono stati in perfetta sintonia l’uno con l’altro, a dimostrazione di quanto simili siano i nostri progetti e del fatto che la nostra battaglia per un altro calcio sia comune a tutti e che soltanto insieme potremo vincerla.

La festa forse più bella si è svolta sugli spalti dove fin da subito si è creata una bella atmosfera con i tifosi che hanno cantato e incitato insieme i giovani giocatori, creando un unico grande gruppo in cui i pugliesi erano la rappresentanza più numerosa. E proprio un giovane pugliese, un bambino, ha mostrato che un ultras non ha età mettendosi a capo della curva e lanciando una bellissima versione di ‘Un giorno all’improvviso’ a ripetere cantata all’unisono da tutti noi. Al termine del torneo la festa è continuata con una braciata e birra a volontà, organizzata dagli amici di Campobasso che hanno dato prova di grande ospitalità.

Nel salutarci con loro, e con le altre realtà, ci siamo scambiati la promessa che questo sarà solo l’inizio di un cammino che proseguiremo insieme consapevoli del fatto che davvero “un altro calcio è possibile, un altro mondo è necessario”.(da ASD Quartograd)

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: