» » » » » » Noi Samb tra bilanci e propositi: parola a Guido Barra


SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 2016 è stato un anno di gioie per il popolo rossoblu. Il ritorno in Lega Pro unito all’ottimo inizio di stagione hanno fatto sì che i tifosi vivessero grandi emozioni e momenti di straordinaria passione. Anche per l’Associazione Noi Samb quest’anno ha riservato molte soddisfazioni. A tracciare un bilancio del 2016 ci ha pensato il Presidente Guido Barra.

“Il 2016 è stato un anno fantastico per la nostra Associazione non solo per i successi sportivi della Samb, ma anche per le tante iniziative che abbiamo portato avanti con successo”.

A giugno la gestione triennale del settore giovanile è giunta al termine. Cosa ha lasciato in dote all’Associazione?

“E’ stata un’esperienza tanto impegnativa quanto emozionante perchè ci ha permesso di entrare in contatto con centinaia di persone che ogni giorno hanno portato avanti l’orgoglio di indossare la maglia rossoblu. L’intero staff, i genitori e i magnifici ragazzi che abbiamo visto crescere sono un tesoro della nostra città. Abbiamo lavorato con impegno e umiltà. Ci capita di ricevere ancora dei ringraziamenti per quello che è stato fatto e questo ci rende molto fieri”.

Uno degli eventi più importanti del 2016 è quello dedicato a Stefano Borgonovo.

“Il primo ottobre abbiamo inagurato, nel piazzale della Curva Sud del Ballarin, il Largo Stefano Borgonovo. Siamo molto orgogliosi di questa iniziativa e di aver tramesso a Chantal e alle figlie l’amore che questa città nutre per Stefano. Anche nel 2017 porteremo avanti altri progetti per supportare la Fondazione Borgonovo e raccogliere fondi da destinare alla lotta alla Sla”.

Da agosto l’Associazione è scesa in campo per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto.

“Fin dall’inizio abbiamo deciso di dare il nostro contributo collaborando con i ragazzi della Curva Nord, il cui impegno nel sociale non è mai abbastanza sottolineato. Abbiamo attivato molti punti di raccolta fondi in città, nei pressi dello stadio e in occasioni delle nostre cene. Il nostro impegno non finisce qui: nei prossimi mesi continueremo a portare avanti nuove iniziative e destineremo la somma raccolta ad un progetto d’aiuto alla popolazione di Arquata Del Tronto”.

Cosa aspettarsi dal 2017?

“Spero che l’anno nuovo porti un pizzico di serenità in più a tutto l’ambiente. Abbiamo tutti gli ingredienti affinché questo avvenga: una proprietà solida che ha condotto nuovamente la Samb tra i professionisti, uno stadio a norma, un allenatore di San Benedetto del Tronto che incarna tutti i valori della nostra comunità e un popolo dalla passione illimitata. E’ naturale che in una stagione si possano verificare momenti di difficoltà, ma bisogna rimanere uniti e dare il nostro contributo per portare in alto questi colori. Le critiche, se costruttive ed educate, possono fare solo del bene e aiutano a migliorare. Il calcio, si sa, non mette mai tutti d’accordo e proprio per questo ritengo sia giusto rispettare i vari punti di vista, ovvero, quello di un Presidente solido e puntuale e quello di chi, la domenica, si reca allo stadio per seguire le imprese di questi ragazzi. Noi, come Associazione, siamo stati, siamo e saremo sempre dalla parte della Sambenedettese”.

Un punto di vista sui risultati conseguiti dalla prima squadra.

“È molto semplice. Visti gli obiettivi, più che giusti, che la società si è prefissata all’inizio di questa stagione direi che la posizione in classifica che stiamo ricoprendo debba renderci orgogliosi. Non amo il disfattismo nè il cercare l’ago in un pagliaio per cui non posso che fare i complimenti a tutti per quanto svolto fino ad ora. Perdere non rende felice nessuno, è vero, ma quando accade è bene ricordarsi cosa abbiamo subìto negli ultimi anni. Le partite disputate di recente non ci hanno visto esultare ma siamo sicuri che, attraverso il mercato di riparazione, il Presidente saprà svolgere il lavoro più adatto per il conseguimento dei suoi obiettivi. Noi ci fidiamo del suo operato”.

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: