» » » » » » L'iniziativa 'Second Life" della UEFA Foundation for Children per le attrezzature e i materiali abbandonati dopo UEFA EURO 2016


L'iniziativa 'Second Life" della UEFA Foundation for Children riutilizza le attrezzature e i materiali abbandonati dopo UEFA EURO 2016 per sostenere progetti dedicati ai bambini.

Vi siete mai chiesti che fine facciano le attrezzature e i materiali preparati specificamente per UEFA EURO 2016 e poi abbandonati?

"Volevamo che EURO 2016 lasciasse una sostanziosa eredità - spiega Pascal Torres, segretario generale della UEFA Foundation for Children -. Sapevamo che tanti gruppi, organizzazioni ed enti di beneficenza potevano approfittare di questi materiali, molti dei quali sono stati usati solo per qualche giorno o settimana. È qui che è nata l'idea di 'Second Life'; il Campionato Europeo è stato l'occasione perfetta per dare inizio a questo progetto inedito".

Finora sono state raccolte 20 tonnellate di materiali, tra i quali attrezzature per l'allenamento, abbigliamento, forniture per ufficio e prodotti informatici come laptop e stampanti, che verranno utilizzati per sostenere progetti sportivi e scolastici per i bambini di 20 paesi nel mondo.

Un campo profughi di Za'atari (Giordania) è già stato recintato con strisciomi marchiati EURO 2016, consentendo alle ragazze di fare sport in totale privacy. Ad approfittare dell'iniziativa saranno anche le scuole locali, oltre a progetti in Germania, Serbia, Ungheria, Ucraina e altri nove paesi europei.

Torres spiega: "Il progetto 'Second Life' ci ha permesso di prendere due piccioni con una fava: ridurre i rifiuti e migliorare la vita dei bambini, molti dei quali hanno difficoltà ad accedere allo sport e all'istruzione, fornendo attrezzature di buona qualità".

La UEFA Foundation for Children, nata nel 2015, sfrutta lo sport per sostenere progetti umanitari legati ai diritti dei bambini, come salute, istruzione e integrazione. Si tratta di un ente completamente indipendente della UEFA.

Maggiori informazioni sul sito della fondazione UEFA.

da: uefa.org

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: