» » » » » Sabato al Museo del Calcio rivive il Grande Torino con ‘L’ultimo viaggio del Conte Rosso’


E’ il tardo pomeriggio del 4 maggio 1949 quando finisce tutto e inizia il racconto. Il Grande Torino muore sulla sua città. Guido, Lando, Antonio e Umberto sono diciottenni promesse del vivaio granata: il destino li costringe a vestire le maglie dei loro idoli e a scendere in campo al posto loro, nove giorni dopo i funerali e per le ultime quattro partite di campionato. La loro storia è raccontata nel documentario ‘L'Ultimo viaggio del Conte Rosso’ (durata 30', prod. Filmika, regia Fabiana Antonioli), che verrà proiettato sabato 25 febbraio alle ore 21 (ingresso gratuito) presso la sala ‘Mario Valitutti’ del Museo del Calcio (viale Aldo Palazzeschi 20, Firenze).

Il film ripercorre le ultime quattro partite del Torino nel campionato ‘48-‘49, subito dopo la tragedia di Superga, attraverso le testimonianze di quattro di quei ‘ragazzi’ granata, intervistati nel 2016. Il Conte Rosso - da cui il titolo del mediometraggio - era il pullman che accompagnava il Grande Torino in trasferta.

Alla proiezione saranno presenti la regista Fabiana Antonioli e uno dei ‘Torino boys’ di allora, Lando Macchi; a condurre la serata, lo scrittore e giornalista torinese, Gian Paolo Ormezzano.

L’evento, grazie anche al contributo di collezionisti privati, sarà impreziosito da una mostra di maglie storiche della società granata e di rari cimeli del Grande Torino.

Per l’occasione, l’ingresso al Museo del Calcio e alla mostra temporanea sul Grande Torino sarà gratuito con i seguenti orari:

sabato 25 febbraio 9.30-12.30, 15.00-20.30;
domenica 26 febbraio 9.30-12.30;
lunedì 27 febbraio 9.30-12.30. 15.00-18.00.

L’evento è realizzato dalla Fondazione Museo del Calcio in collaborazione con FIGC, ACF Fiorentina, Torino FC, Ass. Glorie Viola, Ass. Memoria Storica Granata, Unione Nazionale Veterani Sportivi-Sezione di Firenze, Ass. Giglio Amico onlus.

da: figc.it

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: