» » » » » » » Centro Storico Lebowski: 'Siamo in 500!'


SIAMO IN 500

Un anno e mezzo fa, eravamo a San Donnino a fare assemblea e tra i confronti, le discussioni e la paura di non essere abbastanza forti per giocarci la “partita” del bando sullo Stadio, decidemmo una cosa che avrebbe cambiato la nostra storia. Il giorno dopo uscì un post sul nostro profilo Facebook intitolato: Togli un like, diventa un Socio!
Fu il delirio.

Le settimane seguenti furono una tempesta di conoscenze, facce nuove ovunque, richieste, mail, messaggi, bonifici. E ancora buste intestate e riempite a mano, una ad una, spedite in tutta Italia e in tutto il mondo.

Volevamo 500 soci per partecipare “con le spalle larghe” al bando pubblico per l'assegnazione dello stadio di San Donnino. Chiudemmo la campagna a quota 484 , poi come è finita la storia del bando lo sappiamo tutti.

A Luglio abbiamo riaperto la campagna soci da quota zero e, nella giornata di ieri, è arrivata la tessera numero 500. CINQUECENTO.

Ce lo siamo chiesto innumerevoli volte ed ancora, in quello che continua ad essere un sogno, un esperimento quotidiano, ce lo continuiamo a domandare: a cosa serve avere tanti soci?

Per semplificare il pensiero comune che esce dalle nostre riunioni e attività, allargare la base sociale serve a diffondere il nostro modo di vivere il calcio ed una società sportiva, facendolo conoscere a chi in esso si rispecchia e, a chi se ne sente affine e coinvolto, offrire un'alternativa che funzioni, e che ribalti la percezione di fruitore o cliente che ci è stata insegnata lungo gli anni.

Per questo e per tanti altri motivi, il traguardo raggiunto ci riempie di orgoglio; una cosa però, sentiamo la necessità di dirla.

Noi passiamo le nostre giornate sul campo a mettere in pratica le nostre istanze, e le notti, invece di dormire, le passiamo a pensare a come sviluppare le nostre idee in azioni, e a come trasformare la società che ci circonda per mezzo di questi passaggi.

Se noi riusciamo ad avere, oggi, 500 soci, e non riusciremo “domani” ad avere altrettanti militanti, probabilmente il nostro lavoro perderà un po' del suo valore.

Perchè le parole protagonismo, solidarietà, orizzontalità, autogestione, non restino solo bei vocaboli. Perchè il sogno di scardinare a poco a poco questo mondo non resti chiuso nel cassetto insieme alle nostre sciarpe.

AI NOSTRI 500 COMPAGNI DI VIAGGIO, GRAZIE.
AVANTI LEBOWSKI

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: