» » » » » » » » » Noi Samb, inaugurata la mostra in memoria delle vittime del tragico rogo del Ballarin


SAN BENEDETTO DEL TRONTO – È stata inaugurata sabato 29 aprile, alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto, la mostra “Lassù qualcuno ci ama” dedicata a Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, vittime del tragico rogo del Ballarin avvenuto il 7 giugno 1981. L’esposizione, organizzata dall’Associazione Noi Samb in collaborazione con il museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, sarà visitabile fino al 10 maggio.

Presenti alla serata inaugurale il sindaco Pasqualino Piunti, gli assessori Pierluigi Tassotti e Annalisa Ruggieri, l’ex gloria rossoblù Bruno Ranieri e i familiari delle due giovani vittime tra cui il papà di Carla Bisirri e la mamma di Maria Teresa Napoleoni, visibilmente commossi. Un momento intenso colmato da racconti ma anche silenzi.

“La Palazzina, luogo storico di questa città, ospita un evento che sa di ricordi – ha dichiarato il primo cittadino di San Benedetto – Mi sono commosso perché io quel giorno c’ero. La storia che mi è stata raccontata dal signor Bisirri, inoltre, mi ha molto toccato; sua figlia Carla avrebbe dovuto sposarsi tre mesi dopo”.

Al primo piano numerosi quadri dedicati al Grande Torino ed in particolare ai fratelli Aldo e Dino Ballarin: “San Benedetto e Torino sono legate indissolubilmente non solo per motivi calcistici ma anche per finalità turistiche – ha proseguito Piunti – Negli anni 70 la Samb prese il portiere del Toro Antonio Pigino. L’attaccante Primo Pasquali, successivamente, partì da qui alla volta di Torino. Ringrazio l’Associazione Noi Samb per la delicatezza e la sensibilità con le quali hanno organizzato questo evento”.

A prendere la parola anche Giampaolo Muliari dell’Associazione Memoria Storica Granata: “Porto i saluti di tutti i soci del Museo del Grande Torino – ha dichiarato – La nostra storia associativa ha 22 anni e ogni volta mi emoziono tantissimo. Il nostro è un museo alimentato da pura passione; in questi anni abbiamo allestito circa 150 mostre itineranti. Tre anni fa, casualmente, ho conosciuto la storia di Carla e Maria Teresa. Capisco il senso della tragedia ma soprattutto il senso della memoria. Nel nostro museo c’è una frase che dice che la tragedia non è morire ma dimenticare. Faremo di tutto dunque per onorare il ricordo di queste due ragazze nella nostra casa”.

Non sono mancati i commenti di Luigi Tommolini, curatore dell’esposizione: “In questi anni ho sempre pensato che non fosse giusto dimenticare il sacrificio di due belle e brave ragazze. Finalmente, dopo lunghe battaglie, siamo riusciti a fare qualcosa. Questa tragedia appartiene a tutti noi. Io, quel giorno, sono stato fortunato ma porto con me immagini impossibili da rimuovere. Carla e Maria Teresa oggi sono vive e sono qui con noi”.

da: Noisamb.it al LINK foto

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: