» » » » » » Basket, nasce il "Libertas Fan Club" a sostegno della Libertas Liburnia Livorno


Il comitato direttivo del gruppo Facebook che ha promosso l’iniziativa di “azionariato popolare” a favore della Libertas Liburnia Livorno apprende con rammarico la notizia pubblicata ieri su alcune testate locali che fa riferimento al “no” della famiglia Pardini a questa idea di finanziamento.
In tale comunicato la società Libertas Liburnia Livorno, afferma di preferire metodologie di reperimento risorse economiche provenienti da iniziative somiglianti a quella da noi proposta, ma collegate esclusivamente alla campagna abbonamenti.

Riteniamo opportuno fare chiarezza. 

In soli 5 giorni, un gruppo di imprenditori e professionisti di fede Libertassina, ha deciso di testare l’interesse di amici appassionati di basket verso una forma di “azionariato popolare “ al fine di raccogliere fondi utili a garantire alla società un futuro roseo anche nella serie B, appena conquistata.

In questo lasso tempo, grazie ad un’intensa attività di networking che ha coinvolto molte persone anche non residenti a Livorno, siamo riusciti a raccogliere circa 100 adesioni certe da aggiungere alle 260 promesse di sottoscrizione. 

Si tratta di una cifra pari a circa 100.000 euro e che, di fatto, secondo quanto affermato dalla Societa’, rappresenterebbe la metà del budget necessario ad affrontare la serie B.

Molte società sportive hanno adottato il modello dell’azionariato popolare per potenziare la propria struttura, facendo leva sull’emozionalità di questo genere di investimento che permette ai sottoscrittori di sentirsi proprietari di una piccola quota della società. 

Uno spirito partecipativo in linea con la “sharing economy” i cui benefici sono dimostrati dai tanti casi di successo presenti sia in Italia che all’estero in una pluralità di sport.

Ve ne sono circa una decina, concentrati soprattutto tra Lega Pro e Dilettanti.

Molti di questi detengono una partecipazione nel capitale sociale (Ancona, Arezzo, Modena, Rimini, Taranto, Piacenza).

In tutto, tra iscritti e aderenti, un universo di diecimila persone. 

Lo spirito dell’azionariato popolare non è assolutamente quello di creare confusione o ingerenze nella gestione societaria. I piccoli azionisti non hanno il diritto di interferire in alcun modo nei processi decisionali sportivi o amministrativi, ma sono semplicemente gratificati dal fatto di poter essere considerati “soci” non operativi.

Posto che la cifra che questo comitato avrebbe potuto raccogliere sarebbe stata con ogni probabilità superiore al budget indicato dal manager della società, i soldi sarebbero potuti essere investiti nel settore giovanile, che è di fondamentale importanza per assicurare alla squadra un futuro ambizioso, o anche per l’acquisto di giocatori funzionali allo schema tattico dell’allenatore della Libertas.

Prendiamo atto del legittimo disinteresse della società Libertas Liburnia Livorno verso l’azionariato popolare e valuteremo senz’altro la possibilità di dare supporto attraverso l’acquisto di un abbonamento, seppur ritenendo questo genere di campagna una formula di ordinaria amministrazione per qualsiasi società sportiva e difficilmente in grado di poter generare risorse economiche paragonabili ad un operazione come l’azionariato popolare.

Non faremo in ogni caso mancare il nostro affetto alla squadra e, a tal proposito, abbiamo deciso di fondare un’associazione di tifosi denominata “Libertas Fan Club”, che avrà la missione di continuare ad aggregare anche supporter ed appassionati che oggi non frequentano più il palazzetto per questioni logistiche, familiari o di altro genere.

Il “Libertas Fan Club” avrà anche l’obiettivo di costruire una “community” di potenziali investitori, che, qualora ce ne fosse bisogno in futuro, potrebbe rappresentare un prezioso sostegno per ambire ai palcoscenici che la Libertas merita.

Presenteremo presto lo statuto di questa associazione alla quale, inizialmente, chiunque potrà aderire in modo totalmente gratuito.

Il comitato direttivo “azionariato popolare Libertas” e costituenda associazione “Libertas Fan Club”:
Cristiano Spadoni Gianluca Mannucchi Giuseppe Arrabito
Lorenzo Marchesiello Carla Cuneo* Richard Prima
Alessandro Cirinei Silvia Campus* Federica Cirinei
Natale De Gregorio Paola Petrucci Marta Pirisinu
Massimo Landi Paola Rinaldi Stefano Neri
Marco Profeti* Alessandro Arrabito Francesco Papini
Francesco Mazzardi Federico Vasta Mira Lazzarova
Silvia Marchesiello* Leonardo Mazzanti Giovanna Di Lauro
Silvia Alessi* Giovanni Gallinari* Luca Caratto
Paola Napoli Federica Tani Walter Favilli
* aderenti senza profilo facebook
Livorno, 8 Giugno 2017

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: