» » » » » » » » » » » » Oltre 1000 tra fan club, associazioni e gruppi di tifosi scrivono alla Federcalcio tedesca: 'Giù le mani dalla regola del 50% + 1!'


Dopo il tentativo fallito di Martin Kind, che aveva presentato una richiesta di esenzione dalla regola del 50% + 1 nel tentativo di acquisire il controllo dell'Hannover(LINK), si è acceso il dibattito all'interno della Federcalcio tedesca (DFL) sul mantenimento o modifica della direttiva che impedisce a singoli investitori di avere il controllo dei club sportivi tedeschi(qui Calcio tedesco: la regola del 50% +1).

La regola finora è riuscita quasi completamente ha preservare le squadre tedesche dal finire nelle mani di imprenditori spregiudicati e orientati più al business che alla promozione del valore aggregativo del calcio che invece rappresenta la base della cultura del tifo in Germania e che molto ha contribuito nel rendere i club tedeschi molto seguiti e i match molto partecipati dal pubblico, anche nelle categorie inferiori(qui dettagli).

Alla regola sfuggono per questioni di tradizione alcuni club, come il Bayer 04 Leverkusen e il Wolfsburg in quanto entrambe le realtà sportive sono originariamente nate come squadre aziendali(rispettivamente di BayerVolkswagen), rimaste immutate dopo la riforma degli anni 90, a cui si aggiunge la RB Lipsia che ha aggirato la norma inserendo un entità associativa di fatto partecipata solo da qualche decina di individui legati alla multinazionale. Operazione che ancora adesso ne fa la squadra ''di plastica' più odiata di Germania(qui dettagli).

Partecipazione che ha consentito alla maggioranza dei club lo sviluppo di una forte rete commerciale locale, consentendo il raggiungimento dell'equilibrio economico, grazie a comunità capaci di costruire identità conosciute in tutto il mondo, basti pensare al Borussia Dortmund o allo Schalke 04, o scendendo di categoria a realtà come il St. Pauli(qui dettagli e Video) o l'Union Berlin(Video).

Il 22 marzo è prevista l'assemblea della DFL in cui si discuterà proprio del tema della proprietà delle società e i tifosi si sono mobilitati in massa per far sentire la propria voce, con striscioni e cori in occasione dei prossimi match, e per urlare trasversalmente con un comunicato congiunto, sottoscritto da oltre 1.000 tra fan club, associazioni e gruppi di tifosi: 'Giù le mani dalla regola del 50% + 1! Il 50 + 1 deve rimanere!''.

"L'assemblea della DFL ha sostanzialmente messo in discussione la regola 50 + 1. Noi, i fan club, i gruppi di tifosi e le associazioni di tutta la Germania facciamo una dichiarazione chiara: il calcio riunisce centinaia di migliaia di persone diverse ogni settimana. Non appartiene a individui, società o investitori. Appartiene a tutti noi e non dovrebbe diventare il giocattolo di pochi. 

L'elusione o l'ulteriore allargamento della regola 50% + 1 in discussione cambierebbe radicalmente il calcio. La pressione competitiva aumenterebbe inevitabilmente per tutti i club. 

Il potere finanziario di alcuni proprietari sarebbe improvvisamente più importante del lavoro solido e di successo svolto negli anni dagli altri. Alla fine, si tratta di più soldi che vengono trasferiti agli stessi interessati ai profitti. Per noi tifosi il calcio non sarà migliore e la sua responsabilità sociale non sarà rafforzata in questo modo. Al contrario! 

Molto si è discusso sulla competitività internazionale della Bundesliga. Ma vogliamo veramente orientarci su somme folli come a Parigi o con un mercato pazzo come in Inghilterra? Invece di lanciare un dibattito politico su come il calcio professionistico stia diventando sempre più lontano dalle realtà della vita quotidiana sotto molti aspetti, la regola 50 + 1 è fondamentalmente messa in discussione. Ma non ci lasceremo sottrarre il 50 + 1. Il 50 + 1 deve rimanere!".

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: