» » » » » » » Fair Play Finanziario, aggiornamenti dell'Organo di Controllo Finanziario UEFA per Club per il 2017/18


La Camera Investigativa dell'Organo di Controllo Finanziario per club della UEFA (CFCB), guidata dall'Investigatore Capo, Yves Leterme, ha fornito oggi un aggiornamento sul monitoraggio degli accordi transattivi firmati con 12 club negli anni passati e sul monitoraggio del requisito di pareggio di bilancio per i club che hanno partecipato alle competizioni UEFA per club nel 2017/18.

Monitoraggio degli accordi transattivi
La Camera Investigativa CFCB ha confermato che FC Krasnodar, FC Lokomotiv Moscow, AS Monaco FC, AS Roma e FC Zenit St Petersburg sono stati considerati conformi ai requisiti e all'obiettivo generale dei loro accordi. Di conseguenza questi club sono usciti dal regime transattivo.
FC Astana, Beşiktaş JK e FC Porto hanno rispetatto gli obiettivi stabiliti per la stagione 2017/18 e rimarranno nel regime transattivo. Il regime transattivo sarà applicato anche per la stagione 2018/19 per FC Astana e Beşiktaş JK, e fino alla stagione 2020/21 compresa per FC Porto - così come previsto inizialmente.
La Camera Investigativa CFCB ha inoltre stabilito che Fenerbahçe SK, FC Internazionale Milano e Trabzonspor AŞ hanno solo parzialmente soddisfatto gli obiettivi stabiliti per la stagione 2017/18. Di conseguenza le misure sportive condizionali previste, come le restrizioni sui trasferimenti e la limitazione del numero di giocatori che possono essere inseriti nella Lista A, non saranno revocate e continueranno ad essere applicate anche nella stagione 2018/19. Ulteriori contributi finanziari, se applicabili, verranno trattenuti come specificato in ciascun accordo. Il regime transattivo continuerà ad essere applicato per la stagione 2018/19 per l'FC Internazionale Milano e il Trabzonspor AŞ; e fino alla stagione 2019/20 compresa per il Fenerbahçe SK - come previsto inizialmente.
La Camera Investigativa CFCB ha deciso di sottoporre il caso dell'FC Rubin Kazan alla Camera Giudicatoria CFCB dato che il club ha violato il suo accordo transattivo siglato nel maggio 2014. La società non ha infatti rispettato il requisito di pareggio di bilancio durante il periodo di monitoraggio fissato nella stagione 2017/18.

Monitoraggio del requisito di pareggio di bilancio
La Camera Investigativa CFCB ha inoltre deciso di chiudere l'investigazione sul Paris Saint-Germain. Tale decisione segue una revisione dettagliata dei contratti di trasferimento e un'analisi dei relativi conti di gestione che hanno confermato che tali operazioni erano in linea con i regolamenti UEFA sulle Licenze per Club e sul Fair Play Finanziario. Inoltre la Camera ha concluso che dopo significative rettifiche di valore di diversi contratti di sponsorizzazione per club - sulla base di valutazioni effettuate da periti di terze parti indipendenti - il risultato del pareggio di bilancio del club rimane entro lo scostamento accettabile per gli esercizi finanziari che si concludono nel 2015, 2016 e 2017. L'impatto finanziario delle attività di trasferimento a partire dall'estate 2017 - fino alla prossima finestra di mercato (compresa) - e il rispetto del requisito di pareggio per l'anno finanziario 2018, rimarranno sotto attento esame e verranno esaminati a fondo nelle prossime settimane.
La Camera Investigativa CFCB ha inoltre deciso di infliggere un'ammenda di 100.000 euro all'Olympique de Marseille per una lieve violazione del requisito di pareggio di bilancio nel periodo di monitoraggio del 2017/18. Il club continuerà a essere sotto osservazione per il requisito di pareggio del periodo 2018/19.
Infine la CFCB ha annunciato oggi che due club, Galatasaray SK e Maccabi Tel Aviv FC, non hanno rispettato il requisito di pareggio e hanno accettato degli accordi transattivi.
Avendo stabilito altri due accordi, sono adesso otto i club sotto il regime transattivo per la stagione 2018/19 - ovvero FC Astana, Beşiktaş JK, Fenerbahçe SK, Galatasaray SK, FC Internazionale Milano, Maccabi Tel Aviv, FC Porto e Trabzonspor AŞ.
Di seguito i dettagli di questi due nuovi accordi transattivi:

Galatasaray SK
• L'accordo transattivo copre le stagioni sportive 2018/19, 2019/20, 2020/21 e 2021/22.
• Il Galatasaray si impegna a raggiungere il pieno raggiungimento dei requisiti di pareggio di bilancio entro il periodo di monitoraggio del 2021/22 (ovvero periodi di rendicontazione che terminano nel 2019, 2020 e 2021).
• Il Galatasaray si impegna a riportare un deficit massimo nel pareggio di bilancio - come riportato nelle sue previsioni per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2018 - di 20 milioni di euro per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2019, e di 10 milioni di euro per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2020.
• Il Galatasaray accetta che, per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2019 e per quello del 2020, i costi del personale in rapporto alle entrate, l'ammortamento delle registrazioni dei giocatori e il livello del debito bancario netto, sono limitati.
• Il Galatasaray si impegna a pagare un importo totale fino a 15 milioni di euro, cifra che sarà trattenuta dai ricavi derivanti dalla partecipazione alle competizioni UEFA a partire dalla stagione 2017/18. Di tale importo, 6 milioni di euro devono essere pagati per intero, indipendentemente dall'eventuale uscita anticipata dal regime transattivo. Il pagamento dei restanti 9 milioni di euro è condizionale e può essere trattenuto in determinate circostanze, a seconda della conformità del club alle misure operative e finanziarie imposte nell'accordo transattivo.
• Il Galatasaray accetta che sarà soggetto a una limitazione del numero di giocatori che potrebbe includere nella lista A ai fini della partecipazione alle competizioni UEFA. In particolare, per le stagioni dal 2018/19 al 2021/22, il Galatasaray potrà registrare un massimo di 21 giocatori nella lista A, invece dei canonici 25 come previsto dai regolamenti della competizione in questione. Tale restrizione sarà revocata (per la stagione 2019/20 a 22 giocatori, per la stagione 2020/21 a 23 giocatori e per la stagione 2021/22 a 25 giocatori) se il club soddisferà le misure operative e finanziarie concordate con la Camera Investigativa CFCB.
•  Il Galatasaray accetta, per la durata dell'accordo transattivo, una limitazione calcolata sul numero di nuove registrazioni che può includere nella sua lista A ai fini della partecipazione alle competizioni UEFA. Questo calcolo si basa sulla posizione di trasferimento netto del club in ciascun periodo di registrazione coperto dall'accordo. Tale restrizione verrà revocata per la stagione 2021/22 se il club adempirà alle misure operative e finanziarie concordate con la Camera Investigativa CFCB.

Maccabi Tel Aviv FC
• L'accordo transattivo copre le stagioni sportive 2018/19, 2019/20 e 2020/21.
• Il Maccabi Tel Aviv FC  si impegna a raggiungere il pieno raggiungimento dei requisiti di pareggio di bilancio entro il periodo di monitoraggio del 2020/21 (ovvero periodi di rendicontazione che terminano nel 2018, 2019 e 2020).
• Il Maccabi Tel Aviv FC si impegna a riportare un deficit massimo nel pareggio di bilancio di 20 milioni di euro per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2018, e di 10 milioni di euro per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2019.
• Il Maccabi Tel Aviv FC accetta che per l'esercizio finanziario che si conclude nel 2019, il rapporto tra le spese per i dipendenti e le entrate sia limitato.
• Il Maccabi Tel Aviv FC si impegna a pagare un importo totale fino a 1 milione di euro, cifra che sarà trattenuta dai ricavi derivanti dalla partecipazione alle competizioni UEFA a partire dalla stagione 2017/18. Di tale importo, 200.000 euro devono essere pagati per intero, indipendentemente dall'eventuale uscita anticipata dal regime transattivo. Il pagamento dei restanti 800.000 euro è condizionale e può essere trattenuto in determinate circostanze, a seconda della conformità del club alle misure operative e finanziarie imposte nell'accordo transattivo.
• Il Maccabi Tel Aviv FC accetta di essere soggetto a una limitazione del numero di giocatori che potrebbe includere nella lista A ai fini della partecipazione alle competizioni UEFA. In particolare, per la stagione 2018/19 potrà registrare un massimo di 22 giocatori nella lista A, invece dei canonici 25 come previsto dai regolamenti della competizione in questione.
• Il Maccabi Tel Aviv FC accetta, per la durata dell'accordo transattivo, una limitazione calcolata sul numero di nuove registrazioni che può includere nella sua lista A ai fini della partecipazione alle competizioni UEFA. Questo calcolo si basa sulla posizione di trasferimento netto del club in ciascun periodo di registrazione coperto dall'accordo. Tale restrizione verrà revocata per la stagione 2019/20 e 2020/21 se il club adempirà alle misure operative e finanziarie concordate con CFCB UEFA.

La versione pubblica dettagliata di questi due accordi transattivi verrà pubblicata su UEFA.com a tempo debito.


About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: