Il tema delle Safe Standing Areas è uno degli argomenti più caldi tra i tifosi del Regno Unito, la volontà trasversale di tifosi e club di reintrodurre sezioni dello stadio destinate ai posti in piedi ha aperto, e portato da qualche mese, il dibattito a livello istituzionale.

La presa di posizione a favore della Football League, che si è assunta l'impegno, secondo la volontà dei propri membri, di sostenere la proposta con le autorità competenti ed il Governo inglese(dettagli qui), assieme al progetto pilota di Safe Standing Area(VIDEO) inaugurato dal Bristol City FC nell'Ashton Gate(dettagli qui) sono stati i principali passaggi ufficiali verso l'ampliarsi del dibattito.

Sulla preferenza dei tifosi per questo tipo di soluzione Sportwise.co.uk, società specializzata in marketing e analisi di mercato, ha realizzato una ricerca/sondaggio coinvolgendo circa 30.000 tifosi, selezionati tra i supporters dei club della Premier League e della Championship, sulla base dell'assidua presenza negli stadi, per conoscere il pensiero comune sugli spalti in piedi e sulla proposta della reintroduzione.

Il 74 % degli intervistati si è dichiarato a favore per la reintroduzione degli spalti in piedi negli stadi del Regno Unito, con l' 80% che afferma che questa rappresenta una soluzione in grado di migliorare l'atmosfera delle partite.

Oltre la metà(il 57%) ritiene inoltre che consentirebbe di creare una zona a prezzi economici che potrebbe consentire una maggiore affluenza di pubblico, e il 38 % indica che ciò creerebbe una sensazione più comune e amichevole tra i fans.

Tra i non favorevoli (il 26% del totale) i principali elementi che emergono a sfavore della proposta sono legati per l'80% ai dubbi sulla reale sicurezza garantita dalla soluzione proposta dei rail seats(seggiolini richiudibili, seguendo il modello diffuso e di successo in Germania) e il 63% dei contrari ha sollevato la possibilità che tali aree non sarebbero adatte a bambini e famiglie.

About StefPag82

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: