» » » » » » » » » » » » » La Regola del 50% +1 resiste ancora! La DFL respinge la richiesta di deroga dell’Hannover 96


Nuovo assalto sventato alla Regola 50% +1 che disciplina la struttura di proprietà necessaria per la partecipazione dei club tedeschi ai campionati professionistici nazionali(qui Calcio tedesco: la regola del 50% +1), gli uffici tecnici della Deutsche Fußball Liga(DFL) hanno infatti respinto la richiesta di deroga al regolamento presentata nell’Agosto 2017 da Martin Kind e conseguentemente bloccato le sue mire di controllo sull’Hannover 96(qui dettagli).

Si esaurisce così il nuovo tentativo di mettere in discussione la regola da più parti riconosciuta alla base del successo, della partecipazione e dell’accessibilità del calcio tedesco(qui e qui dettagli, Video). La questione, però, sembra ancora lontana dall’essere scampata e il dibattito sull’argomento prosegue senza esclusione di colpi(qui dettagli).

Il rigetto formale arriva dopo mesi di confronto interno e dopo la grande mobilitazione dei tifosi nel corso della stagione appena conclusa(qui dettagli) che si erano fortemente opposti alla proposta di riforma presentata da Bayern Monaco, Hannover, Bayer Leverkusen e RB Lipsia(qui dettagli).

Lo scorso Marzo dopo il lancio di un appello sul web le rappresentative dei tifosi si erano presentate nella sede della lega con una petizione di 30 metri con le firme di 3.000 tra fan club, associazioni e gruppi di tifosi, in rappresentanza di oltre 130 club sportivi, che hanno aderito alla campagna per mantenere intatta la regola del 50 + 1(qui dettagli Video).

Storicamente le squadre tedesche sono da sempre organizzazioni no-profit gestite da associazioni di membri e fino al 1998 era proibita la proprietà privata di qualsiasi tipo. La regola 50% + 1, introdotta in quell'anno, impone che i club di Bundesliga e 2.Bundesliga - e, per estensione, i fan - detengano la maggioranza dei diritti di voto in assemblea(qui dettagli).

Secondo le regole della Football League tedesca, le società calcistiche non possono iscriversi e giocare nelle prime due divisioni del calcio nazionale se gli investitori commerciali privati hanno più del 49% delle azioni. In sostanza, ciò significa che gli investitori privati ​​non possono rilevare i club e potenzialmente promuovere misure che privilegino il profitto rispetto ai desideri dei sostenitori. La regola protegge contemporaneamente contro i proprietari spericolati e salvaguarda le procedure democratiche dei club tedeschi rendendo centrale nell’operatività del club la crescita e lo sviluppo sostenibile, senza secondi fini(qui dettagli e Video).



Il comunicato della DFL:

Il Presidio della DFL respinge la richiesta di deroga alla regola 50 + 1 per Hannover 96 e Mr Martin Kind

-Criterio dello statuto di "promozione sostanziale" non soddisfatto
-DFL coinvolge Bundeskartellamt per quanto riguarda l'applicazione fondamentale e l'interpretazione della regola 50 + 1

2018/07/18 - L'Ufficio di presidenza del Football League Association DFL tedesca ha respinto all'unanimità al giorno d'oggi la richiesta di Hannover 96 e Mr. Martin Genere a concedere una deroga del 50 + 1 regola. In base al regolamento dell'associazione, il signor Martin Kind non è in grado di rilevare la maggioranza delle azioni di "Hannover 96 Management GmbH". Nel corso degli ultimi mesi, il gruppo si è occupato dettagliatamente dell'argomento e tra gli altri ha consultato le ricorrenti in riunioni congiunte. Nella valutazione finale, il DFL-Bureau è giunto alla conclusione che il criterio di "finanziamento significativo" come condizione per la concessione di una deroga al 50 + 1 regola non è rispettata.

Hannover 96 e Martin Kind hanno avuto con la loro eccezione al paragrafo 8, numero 3, paragrafo 5 dello statuto DFL correlate. Si dice letteralmente: "A proposito di eccezioni al requisito di una partecipazione di maggioranza dell'associazione genitore solo nei casi in cui un altro soggetto ha promosso costantemente e significativamente lo sport del calcio dell'associazione genitori per più di 20 anni, l'Ufficio di presidenza del DFL decide eV" Per concreto e preciso le nozioni giuridiche contenute nello statuto ha il corpo predecessore del DFL-presidenza, il "Consiglio della Associazione League", adottato nel 2014 orientamenti interpretativi nel corso dell'anno. Questi sono stati presentati in una riunione del 4 dicembre 2014 e anche dalla lettera circolare a tutti i club disponibili e successivamente applicato in relazione al TSG 1899 Hoffenheim.

Il criterio di "finanziamento significativo" è quindi progettato in modo che "il livello di impegno finanziario deve corrispondere in ogni tempo di gioco singolo durante il periodo di 20 anni, almeno alla quota di bilancio medio, il principale sponsor del club, che è, il più alto singolo di sponsorizzazione costituisce" , Con il signor Martin Tipo indiscusso fornito nel corso degli ultimi 20 anni, i servizi di supporto non raggiungono la misura richiesta tale da giustificare una deroga al 50 + 1 regola secondo la legge, secondo il Bureau DFL. Per Hannover 96 GmbH & Co. KGaA come membro effettivo della soggiogata DFL eV è dopo la decisione, la possibilità di adire alla Corte permanente di arbitrato dei campionati di licenza.

Presidente DFL Reinhard Rauball: "La presidenza ha preso la decisione tutt'altro che facile. Ai fini delle ricorrenti, ma anche nel senso della comunità di tutti e 36 i club di DFL, la situazione è stata esaminata in modo intensivo e completo per mesi. Sempre per quanto riguarda il principio della parità di trattamento, l'Ufficio di presidenza, in quanto organo responsabile, ha coerentemente applicato gli statuti in un'interpretazione uniforme conforme alle linee guida. "Hannover 96 e Martin Kind hanno presentato domanda il 4 agosto 2017 per una deroga la regola 50 + 1. La domanda è stata temporaneamente sospesa dai candidati il ​​5 febbraio 2018 e riattivata l'11 maggio 2018.

Indipendentemente dalla specifica decisione sull'applicazione di Hannover 96 e Martin Kind, il Presidio DFL ha presentato all'Ufficio federale dei cartelli una "procedura ai sensi dell'articolo 32 c GWB" (Legge contro le restrizioni della concorrenza). Lo scopo di questo passaggio è esaminare eventuali dubbi antitrust in merito all'applicazione e all'interpretazione fondamentali della regola 50 + 1.

Dr. lo spiega Rauball: "La petizione all'Ufficio federale dei cartelli è indipendente dall'attuale decisione dell'Ufficio di presidenza sulla richiesta di eccezione di Hannover 96 e di Martin Kind. Negli ultimi mesi c'è stato un intenso dibattito pubblico sulla regola 50 + 1. Questo passo ha lo scopo di portare chiarezza a tutti i soggetti coinvolti. "

Ecco la circolare del 12 dicembre 2014, che contiene la guida interpretativa:

About StefPag82

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: