» » » » » » » » » » » Bayern Monaco, i tifosi chiedono alla UEFA di intervenire contro l'AEK Atene. Il club greco è accusato di aver fatto pagare eccessivamente i biglietti ai tifosi tedeschi in trasferta


I tifosi del Bayern Monaco chiedono alla UEFA di intervenire contro l'AEK Atene accusando il club greco di aver fatto pagare eccessivamente i biglietti ai tifosi tedeschi in trasferta rispetto a quanto prevedono le regole della federazione europea in materia di ticketing. La UEFA ha aperto un fascicolo per valutare se procedere contro la società greca.

Secondo quanto riporta dw.com in occasione del match della fase a gironi della Champions League dello scorso 23 ottobre i tifosi del Bayern in trasferta hanno dovuto pagare 35 euro a biglietto rispetto a quanto emerge da una ricerca dei gruppi organizzati che hanno riscontrato i soli 15 pagati dai tifosi di casa, circostanza che prefigura una potenziale violazione dell'articolo 19 della UEFA Safety and Security regulations(qui dettagli).

Il portavoce del gruppo organizzato Munich's Red Pride (MRP): "I regolamenti della UEFA stabiliscono che i tifosi non possono essere costretti a pagare di più rispetto a quelli di casa per il medesimo settore o area di prezzo comparabile. Ma questa regola è stata aggirata per l'ennesima volta ad Atene. Soldi indietro ora!"

I tifosi chiedono il rimborso della differenza esattamente come accaduto lo scorso anno in occasione della trasferta europea contro Anderlecht, con i tifosi ospiti costretti a pagare 100 euro(qui dettagli), il successivo riscontro da parte della UEFA della violazione del club belga, poi condannato dalla federazione a risarcire i tifosi tedeschi(qui dettagli e Video).  

Un nuovo caso che torna a mettere in discussione le maglie larghe delle regole di ticketing per i match di Champions e Europa League dopo i numerosi casi della scorsa stagione(qui dettagli e Video) e le richieste di numerose tifoserie alla UEFA di rendere più stringenti e chiari i meccanismi di tutela dei tifosi in trasferta(qui dettagli).

About Stef Pag

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: