» » » » » » » » » SSD Palermo, la procedura per la selezione del soggetto partecipato dai tifisi a cui affidare il 10% del capitale sociale


Il nuovo Palermo è il frutto di “una rivoluzione etica, votata alla trasparenza e alla partecipazione”, come recita il nostro manifesto. Per questo, come previsto anche dall’avviso pubblico del Comune di Palermo, la Palermo ssd a r.l. ha inserito nel proprio statuto un’apposita clausola dedicata all’azionariato diffuso: il 10% del capitale sociale viene messo a disposizione dell’Ente rappresentativo di almeno 100 tifosi che si offrirà di sottoscrivere e versare una somma fino all’importo massimo di euro 1,5 milioni di euro.

Ciò significa che, se vuoi sostenere il Palermo con il tuo contributo, potrai farlo aggregandoti a uno dei gruppi che stanno raccogliendo le adesioni per proporsi come soggetto unico di rappresentanza dell’iniziativa popolare nei confronti della Società. Solo uno dei gruppi candidati sarà scelto per entrare nel capitale sociale. Quindi è a loro che dovrai rivolgerti per partecipare in prima persona all’iniziativa. Ma chiunque, anche in un secondo momento, potrà aderire all’Ente prescelto.

Tutti i contributi raccolti dall’azionariato diffuso saranno destinati alla costruzione del nuovo centro sportivo: un tassello fondamentale per il futuro della squadra e più in generale dello sport a Palermo. Una “fabbrica di talenti” dove poter coltivare i campioni di domani direttamente nel nostro territorio. È il primo investimento, per importanza e urgenza, che il nuovo Palermo intende attuare.

Ogni tifoso contributore verrà considerato a tutti gli effetti un “socio fondatore” e per questo sarà citato con nome e cognome, a futura memoria, nel sito e negli altri materiali di comunicazione della società. In più, ogni socio dell’Ente che verrà scelto riceverà una speciale Palermo Card con benefit esclusivi.

Come verrà scelto il soggetto a cui affidare il 10% del capitale sociale?
Ogni gruppo di almeno 100 tifosi può candidarsi mandando una pec all’indirizzo palermocalcio@pec.it, allegando atto costitutivo e statuto dell’Ente rappresentativo, oltre all’elenco con le generalità di tutti i soci aderenti.

In caso di più candidature, la Società assegnerà la corrispondente quota del capitale sociale all’Ente che per primo avrà offerto l’importo più alto.

Il termine ultimo per la presentazione della candidatura è fissato al 31 di ottobre 2019 e non potranno essere ammesse offerte di singole persone fisiche.

L’Ente rappresentativo dovrà essere composto da soggetti che presentino precisi e determinati requisiti di moralità e professionalità e dovrà agire mediante un rappresentante comune.

Il tutto è meglio specificato all’art. 9* dello Statuto che puoi trovare qui.

#siamoaquile, torniamo a volare insieme!

*Articolo 9 – Una quota pari a un decimo del capitale sociale (c.d. Quota o Compagine Rappresentativa) dovrà essere immediatamente resa disponibile in favore dell'Ente Rappresentativo di almeno 100 tifosi della squadra di calcio della Città di Palermo di cui almeno la metà residenti nel Comune di Palermo (c.d. Ente Rappresentativo) che, per primo, si offra di sottoscrivere e versare l'importo di Euro 1.500.000,00 (euro unmilionecinquecentomila/00) entro la data del 31 ottobre 2019. Non appena un Ente Rappresentativo avrà raccolto una somma di danaro pari ad Euro 1.500.000,00 offrendola alla società, l'Assemblea dei soci delibererà un aumento del capitale sociale fino ad Euro 15.000.000,00 (quindicimilioni/00) che dovrà essere sottoscritto ed interamente versato dall'Ente Rappresentativo nella misura del 10% entro il termine di 30 giorni decorrenti dalla deliberazione.
Nel caso in cui alla data del 31 ottobre 2019 un Ente Rappresentativo dei tifosi abbia offerto alla società una somma inferiore ad Euro 1.500.000,00, l'Assemblea dei soci delibererà l'aumento del capitale sociale che sarà ritenuto congruo dalla maggioranza per il perseguimento dello scopo sociale, ed all'Ente Rappresentativo sarà attribuita una quota di capitale sociale proporzionale alla somma di danaro dallo stesso versata.
In tal caso, in deroga alle previsioni dell’art. 2468 comma 2 c.c. inerenti la proporzionalità tra la quota sottoscritta ed i relativi diritti, all’Ente Rappresentativo viene garantito il diritto di voto esercitabile all’interno dell’Assemblea dei soci in misura pari al 10% dei voti esercitabili, anche se la quota di capitale sociale detenuta sia inferiore al 10% del capitale sociale ed anche se la medesima quota dovesse successivamente ridursi in seguito a ulteriori aumenti del capitale sociale che fossero deliberati dall’assemblea dei soci ma non sottoscritti dall’Ente Rappresentativo.
Nel caso in cui siano stati costituiti più Enti Rappresentativi, la quota di capitale sarà attribuita a quello che per primo abbia offerto la somma di Euro 1.500.000,00, e, nel caso in cui nessuno degli Enti Rappresentativi abbia offerto tale somma, a quello che alla data del 31 ottobre 2019 avrà offerto la somma maggiore. La Quota Rappresentativa è indivisibile.
Quale che sia la forma dell’Ente Rappresentativo e la sua organizzazione interna, tutti i diritti inerenti la quota medesima andranno esercitati tramite un rappresentante comune della quota (ai sensi e per gli effetti dell’art. 2468, ultimo comma, codice civile).
L’Ente titolare della Quota Rappresentativa dovrà prevedere al suo interno una organizzazione ispirata ai principi di democrazia e di uguaglianza dei diritti di tutti i partecipanti. In particolare l’organo assembleare di detto ente dovrà essere regolato dal principio normativo di cui all’art. 2538, comma 2, codice civile (c.d. regola ), essendo questa condizione per l’esercizio di tutti i diritti inerenti la Quota Rappresentativa.
L’Ente titolare della Quota Rappresentativa ed i suoi singoli partecipanti dovranno essere in regola con tutte le norme per l’affiliazione alla Federazione Italiana Giuoco Calcio.
E’ espressamente vietata la partecipazione, all’interno dell’Ente cui verrà attribuita la sopra citata Quota del capitale sociale Rappresentativa, di soggetti che abbiano riportato condanne, con sentenza passata in giudicato: per reati puniti con pena edittale massima superiore a 5 anni; per i reati di cui alla Legge 401/89 e Legge 376/00; per i delitti contro il patrimonio; per il delitto di bancarotta fraudolenta; per reati che possano in alcun modo violare la normativa della Federazione Italiana Gioco Calcio.
Per i fini di cui al precedente capoverso dovrà essere annualmente inviato alla Società l’elenco dei soggetti facenti parte della compagine dell’ente rappresentativo con autocertificazione attestante l’assenza di quanto sopra previsto. La presenza di soggetti attinti dai sopra citati precedenti o il rifiuto di consegnare l’elenco determineranno (previa apposita delibera assembleare) la sospensione di tutti i diritti sociali dell’Ente Rappresentativo.

About StefPag82

Admin Contatti Facebook, Twitter, Google+
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento: